Nasi Goreng: riso fritto all’indonesiana

Arriva dall’Indonesia e significa “riso fritto”: il Nasi Goreng è una ricetta di recupero profumatissima, facile da realizzare e da personalizzare con quello che avete in dispensa.

Il Nasi Goreng era un piatto poco conosciuto fino al 2010, quando venne servito al presidente USA Barak Obama nel suo viaggio indonesiano, regalandogli una fama internazionale senza precedenti. In realtà le sue origini affondano le radici nella cucina povera. Si tratta infatti di una ricetta di recupero, preparata con gli avanzi e gli scarti della cucina del giorno prima. Per questo motivo era servito al mattino, per colazione, ed ecco perché di questa ricetta esistono tantissime varianti, più o meno ricche e spesso stagionali.

Una ricetta di tutti i giorni, della routine quotidiana familiare, nel perfetto stile #AprolaDispensaeCucino, il progetto che da marzo condivido con 4 amiche blogger, nato proprio in risposta all’emergenza che ha colpito il nostro Paese, per cucinare con quello che abbiamo già, senza uscire di casa.

Questa ritrovata consapevolezza mi sta insegnando a fare la spesa con misura e qualità, a valorizzare ogni alimento della mia dispensa, organizzare i pasti e tirare fuori il meglio da ogni ingrediente, aggiungendo creatività e qualche verdura di stagione.

Qui trovate le proposte di Cristina (Good Food Lab), Monica (La Luna sul Cucchiaio), Luisa (Tacchi e Pentole), Valentina (La cucina che Vale).
post realizzato in collaborazione con Riso Gallo

Nasi Goreng: riso fritto all'indonesiana

Ecco quindi la mia versione di questo piatto, realizzato con il Basmati di Riso Gallo, che non manca mai nella mia dispensa, e che inaugura la mia collaborazione con il brand. Gallo lo coltiva ai piedi dell’Himalaya, in una filiera controllata e garantita, all’insegna della qualità e della sostenibilità.

Il profumo di questa varietà di riso, che in lingua hindi significa proprio “regina di fragranza”, si fonde alla perfezione con la miscela di spezie che rende inconfondibile questa ricetta, al naso e agli occhi.

Protagonisti sono infatti le spezie curry, che potete utilizzare nella classica miscela pronta (quella del pollo al curry per intenderci) o creare il vostro mix personalizzato con cumino, curcuma e coriandolo, paprika, pepe e zenzero.

Qui invece potete trovare le spezie originali per Nasi Goreng*.

ingredienti per 2 porzioni di Nasi Goreng

COSA

  • 150 g di Riso Basmati
  • 1 carota
  • una manciata di pisellini
  • la parte verde cipollotto
  • 150 g di petto di pollo
  • 2 cucchiai di passata di pomodoro
  • 3 cucchiai di olio di semi
  • 2 cucchiai di salsa di soia
per la pasta di spezie
  • 1/2 cipolla rossa (o un cipollotto)
  • 2 spicchi d’aglio
  • un peperoncino (fresco o essiccato)
  • 1 cucchiaio di curry giallo in polvere*
  • qualche grano di pepe nero
  • 1 cucchiaino di salsa di pesce*

Nasi Goreng: riso fritto all'indonesiana

COME

Per prima cosa ho cotto il riso Basmati, coprendolo con circa 200 ml di acqua che ho portato a bollore a fiamma alta. Quindi ho abbassato, coperto e proseguito fino al totale assorbimento dell’acqua, quando si formano sulla superficie del riso quei piccoli buchetti tipici della cottura pilaf.

Nel frattempo ho creato la pasta di spezie, frullando tutti gli ingredienti in un mixer. In una larga padella (meglio ancora se in un wok) ho scaldato un cucchiaio di olio e la pasta di spezie, passaggio fondamentale per tostare gli aromi in polvere e sprigionare tutti i loro profumi. Ho rimosso la pasta, lasciando la padella leggermente sporca, ho unito il pollo tagliato a striscioline sottili (fondamentale per una perfetta cottura al salto), i piselli e le carote a bastoncini, cuocendo a fiamma viva per una decina di minuti, unendo la passata di pomodoro e la salsa di soia, irrorando, se necessario, con poca acqua.

Al termine della cottura ho unito i 2 cucchiai di olio avanzati, la pasta di spezie e li riso, saltando fino a rendere tutto croccante e saporito (salando se occorre).

Click.

*AL POSTO DI…

Se non avete in casa il curry giallo in polvere, né le spezie per simulare questo mix, potete usare pepe nero e paprika con un pizzico di zafferano, avendo cura di aggiustare la sapidità con un po’ di salsa di soia in più.

Altro ingrediente che potreste faticare a trovare è la salsa di pesce, che potete sostituire con l’olio di conservazione delle acciughe o la colatura di alici. Ma non ditelo agli indonesiani! 😉

Per quanto riguarda le verdure avete carta libera: se non avete in casa i piselli, nemmeno surgelati, potete optare per i fagiolini, anche in barattolo, oppure usare bastoncini di zucchine, da cuocere insieme alle carote.

Nasi Goreng: riso fritto all'indonesiana

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.