Il sushi bugiardo

Perché fa finta di essere sushi ma non lo è. Questo rotolino è vestito da Uramaki, ma non è chi dice di essere.

Tanto per cominciare non è fatto con il riso giapponese ma con l’originario, il classico riso per minestre.  E l’aceto, usato per condirlo, non è di riso ma di mele e lo zucchero è di canna (prometto che scriverò un post per raccontarvi come si realizza).
Non c’è traccia di alga nori, si sentiva emancipato. Al posto dell’avocado (o del cetriolo) ha un cuore di zucchina (sbollentata qualche minuto ma ancora croccante). Quello che vi sembra tonno crudo, non è altro che bresaola della Valtellina. E la salsa wasabi? Niente di tutto ciò. La pasta verde è di senape, peperoncino in polvere e rucola frullati fortissimo con un filo di olio evo. Mangiatelo con le bacchette, ma prima intingetelo nell’aceto balsamico, per completare il travestimento.
Perché, sarà pure bugiardo, ma è buono.
Vi lascio qualche indicazione sulla preparazione.
Ho lavato il riso per minestre (200gr) in acqua fredda lasciandolo in ammollo e cambiando l’aqua tre volte, poi l’ho trasferito in una pentola antiaderente coprendolo di acqua (il volume dell’acqua dev’essere lo stesso del riso). Ho cotto a fuoco basso con il coperchio 10 minuti circa (controllate di tanto in tanto) e a cottura ultimata ho aggiunto due cucchiai di aceto di mele e uno di zucchero di canna. Ho girato tutto bene e ho lasciato intiepidire. Poi ho preso un pezzo di pellicola e ho coperto una tovaglietta di bambù, ho preso il riso (con le mani sempre bagnate, altrimenti diventerà un amico INSEPARABILE) e l’ho “spalmato” sulla pellicola, realizzando un rettangolo. Al margine alto del rettangolo ho posizionato i bastoncini di zucchina sbollentata, la bresaola arrotolata a cilindri stretti e lunghi, e la salsa di rucola senape e peperoncino. Poi ho afferrato la parte alta della tovaglietta e ho cominciato ad arrotolare stretto, facendo attenzione a non avvolgere anche la pellicola, e, piano piano, ho chiuso il mio maki roll. Ho stretto le estremità a caramella e ho esercitato pressione con le dita affinchè prendesse una forma cilindrica regolare, e ho fatto riposare in frigo fino al momento del taglio.
Click.
SushiBugiardo

33 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *