Palak Pakora: frittelle indiane agli spinaci

Delle frittelle indiane a base di farina di ceci esistono tantissime versioni, radunate sotto il nome di Pakora, un antipasto fritto servito anche come snack e street food. Oggi voglio farvi assaggiare i Palak Pakora, polpettine fritte con spinaci freschi, croccanti e profumate.

Non è la prima volta cucino i Pakora, le irresistibili frittelle indiane a base di farina di ceci. Dopo un assaggio dei miei Rice Pakora, oggi è il turno di un ingrediente di stagione, gli spinaci freschi, che danno vita a polpettine coloratissime e super profumate di spezie e semi.

Realizzarle è davvero semplice, non serve frullare o pre-cuocere: basterà riunire tutti gli ingredienti e modellare, con le mani rigorosamente bagnate, queste deliziose frittelle speziate. Per cuocerle però non ci sono scappatoie, se volete friggerle dovete farlo ad immersione, per evitare che il composto perda coesione e vi ritroviate con un piatto al salto e non più delle polpette. La frittura ad immersione, soprattutto in piccoli pentolini stretti e alti, consente di ottenere un risultato paradossalmente più asciutto rispetto alle “due dita di olio” in una padella.

Se volete stare ancora più leggeri vi invito a leggere la ricetta dei Pakora al forno di Cristina – Good Food Lab.

Palak Pakora: frittelle indiane agli spinaci

ingredienti per 8 frittelle indiane – palak pakora

COSA

  • 100 g di farina di ceci
  • 150/200 g di spinacini freschi
  • 1 cipolla rossa
  • 3 cm di zenzero fresco
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 cucchiai di semi (di coriandolo, cumino, senape nera, finocchio)
  • 1 cucchiaino di spezie di Madras (o il vostro curry in polvere preferito)
  • sale e pepe qb
  • olio per friggere

COME

Ho radunato in una grande ciotola la cipolla tagliata ad anelli e poi tritata grossolanamente al coltello, gli spinaci spezzati con le mani, i semi, le spezie in polvere, lo zenzero fresco sbucciato e tritato, l’aglio a lamelle sottili, un pizzico di sale e di pepe. Dopo aver mescolato bene, ho unito anche la farina di ceci e qualche cucchiaio di acqua tiepida, mescolando ancora per “legare” gli ingredienti.

Se temete che in cottura possano perdere compattezza, unite al composto anche 1 uovo.

Con le mani bagnate, ho afferrato un pugno di composto che ho schiacciato e poi modellato a polpetta. Ho ripetuto l’operazione, sempre con le mani bagnate, fino a terminare il composto (nel mio caso ho ottenuto 8 palak pakora).

In un pentolino stretto e alto, ho scaldato l’olio (io uso quello di semi di arachidi) e, aiutandomi con un cucchiaio/paletta per il gelato (come questo per intenderci*) ho accompagnato le frittelle indiane nell’olio e ne ho fritte 2 o 3 per volta. Basteranno 3 minuti.

Ho servito le mie frittelle indiane con una spruzzata di succo di limone (o lime) e una grattata di pepe nero.

Click.

Palak Pakora: frittelle indiane agli spinaci

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.