Radicchio saltato alla Sichuan

Da Treviso alla provincia cinese del Sichuan: questo radicchio saltato vi farà attraversare il mondo, in un viaggio di profumi e sapori intensi.

Protagonista di questo radicchio saltato è la salsa hoisin: una glassa densa e profumata a base di salsa di soia, zenzero, aglio, un pizzico di pasta di peperoncino e un cucchiaio di pasta di soia fermentata (miso).

Lo so, per questo Radicchio di Treviso IGP avrei potuto optare per una bella focaccia farcita, magari con stracchino e noci, o per un classico risotto mantecato. Avevo già osato il radicchio in una pizza con prosciutto cotto e primo sale, ma l’amore per la cucina internazionale mi ha fatto scoprire un abbinamento del tutto nuovo e sorprendentemente equilibrato.

Il radicchio infatti ha un carattere molto deciso e un sapore leggermente amaro che si sposa alla perfezione con la nota dolce e sapida di questa salsa orientale.

Radicchio saltato alla Sichuan

ingredienti per 2 persone

COSA

  • 2 cespi di Radicchio di Treviso IGP
  • 1 carota
  • la parte verde di un cipollotto
  • 1 cucchiaio di olio di semi
per la salasa hoisin
  • 4 cucchiai di salsa di soia chiara
  • 1 cucchiaino di miele (millefiori o d’acacia)
  • 1 cucchiaio di aceto di riso
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaino di olio di sesamo
  • qualche grano di pepe di Sichuan
  • 1 cucchiaino di salsa piccante (sriracha)
  • zenzero grattugiato (2 cm)
  • 1 cucchiaio di miso di soia

COME CUCINARE IL RADICCHIO SALTATO

La parte cruciale della realizzazione di questa ricetta è proprio la salsa hoisin (che potete acquistare direttamente qui* ma volete mettere la soddisfazione di realizzarla a casa?).

Ho radunato tutti gli ingredienti liquidi e in pasta in una ciotola, mescolando per formare un composto fluido, ho unito lo zenzero grattugiato e l’aglio in camicia, schiacciato (la ricetta originale prevede l’altro tritato ma ho preferito lasciarlo in infusione e poi rimuoverlo al momento del servizio). Ho unito il pepe schiacciato (la sapidità della salsa di soia dovrebbe essere sufficiente, ma assaggiate per sicurezza e, nel caso, regolate con poco sale) e lasciato riposare qualche ora in frigorifero.

Nel frattempo ho pulito il mio radicchio e affettato le carote a listelli sottili. Ho scaldato l’olio di semi in un wok e soffritto la parte verde del cipollotto tagliata a bastoncini e l’aglio schiacciato della salsa. Dopo un paio di minuti ho unito le verdure e irrorato con la salsa hoisin, mantenendo lo sfrigolio del wok e girando il radicchio con una pinza in legno, avendo cura di non rompere le foglie.

Bastano pochi minuti e il nostro radicchio saltato è pronto!

Click.

Radicchio saltato alla Sichuan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.