Involtini vietnamiti con salmone e avocado

Li conosciamo anche con il nome di spring rolls, ma si possono personalizzare con le verdure di tutte le stagioni. Gli involtini vietnamiti, croccanti e sani, sono una gustosa e divertente alternativa alla “solita” insalata, da gustare in punta di dita.

Spesso accompagnati da una salsa leggermente piccante a base di soia e arachidi, gli involtini vietnamiti sono consumati dalle popolazioni orientali come i nostri tramezzini, soprattutto a pranzo. Sono lontani parenti dei classici involtini primavera della cucina cinese, ma vengono consumati crudi invece che fritti.

Gli spring rolls sono realizzati con fogli di carta di riso (che potete trovare nei negozi specializzati o nei reparti di cibo etnico di molte grandi catene di supermercati). Una volta ammollati, sono morbidi e leggeri e possono essere farciti con verdura di stagione, vermicelli di riso (di soia o di fagioli mungo), carne o pesce.

Li preparo molto spesso, anche alle amiche (provate a chiedere a Valentina – La Cucina che Vale: dopo aver provato i miei spring rolls vegetariani, non si è nutrita di altro per settimane!) e mi sbizzarrisco tra gamberi (i miei preferiti), tacchino e lonza di maiale, tonno e pollo.

Involtini vietnamiti con salmone e avocado

dosi per 2 persone (16 involtini alla vietnamita)

COSA

per gli involtini
  • 16 cialde di carta di riso (formato piccolo)
  • 100 g di vermicelli di riso
  • 1 avocado
  • 100 g di salmone selvaggio affumicato
  • 1 costa di sedano
  • spinacini qb
  • 1 foglia di cavolo cappuccio
  • 1 falda di porro
  • 4 lamelle di zenzero fresco lunghe 6 cm
  • 1 lime
  • un cucchiaio di semi di sesamo tostati
  • sale pepe qb
per la salsa
  • 3 cucchiai di salsa di soia
  • un cucchiaino di burro di arachidi
  • 1 cucchiaio di olio di semi
  •  un pizzico di peperoncino o paprika forte
  • pepe qb

COME

Per prima cosa ho preparato davanti a me tutti gli ingredienti vegetali e il salmone e li ho affettati in modo da ottenere striscioline e bastoncini di circa 6 cm. Ho lasciato intere alcune foglie di spinacino e ho tagliato a spicchietti sottili l’avocado. Mantenendo le verdure separate per tipo, le ho condite con succo di lime, sale rosa dell’Himalaya e pepe a piacere.

Intanto ho fatto bollire una pentola media con dell’acqua leggermente salata. Ho spento la fiamma e messo i miei vermicelli in ammollo per qualche minuto, dopo di che li ho scolati in acqua fredda, asciugati e messi da parte.
Non fatevi spaventare dalla carta di riso è solo una questione di tempismo allenamento. Io tengo vicino tutti gli ingredienti pronti quando inizio ad inumidire le cialde. In un piatto piano con un dito d’acqua bagno la cialda di riso da entrambe le parti per pochi secondi, poi la appoggio su un altro piatto pulito.

Nella parte centrale dispongo la verdura, partendo dall’avocado, che quindi sarà il primo visibile nei nostri involtini alla vietnamita, poi il salmone, i bastoncini di verdura, le foglie e infine i vermicelli. Ma potete “disegnarli” come volete, invertendo l’ordine per trovare l’effetto visivo finale che preferite!

Acquisto la carta di riso per involtini primavera anche qui*.

Partendo dal basso, con i pollici arrotolo verso l’alto l’involtino, tenendo il ripieno con gli indici. Non appena superano la metà, accosto i lembi laterali verso l’interno, quindi continuo ad arrotolare fino a chiudere.

È un movimento che richiede un po’ di esercizio, ma poi diventa naturale e veloce.

l mio consiglio è quello di aspettare che il rice paper sia appena morbido: se resta rigido non aderirà al ripieno e creerà dei vuoti, se è troppo morbido tenderà a spaccarsi durante l’operazione di arrotolamento.

Altro consiglio: disponete gli involtini vietnamiti chiusi ben separati fino al momento del servizio, tenderanno ad attaccarsi tra di loro.

Nel frattempo ho preparato la salsa, emulsionando tutti gli ingredienti in una ciotolina (per aiutarvi a sciogliere con maggior facilità il burro di arachidi potete scaldarlo qualche secondo al microonde prima di aggiungere gli altri ingredienti liquidi).

Io li preparo sempre in anticipo, così, quando sono di fretta, non mi resta che tagliarli a metà, cospargerli di semi di sesamo e gustarmeli con la salsa alle arachidi.

Click.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.