Zuppa persiana di verdure e spezie

Una base di verdure di stagione, ceci e spezie mediorientali: ecco la ricetta, semplice e versatile di questa zuppa persiana.

Un piatto unico, completo e sostanzioso, arricchito dal sapore sapido del formaggio feta e dal profumo del prezzemolo fresco. Una ricetta che si presta a tutte le varianti del passare delle stagioni, come la zucca nel periodo invernale e le zucchine in estate!

cena con il capo - zuppa di ceci

ingredienti per 2 persone

COSA

  • 300g di ceci lessati
  • 300g di carote (o di zucca se di stagione)
  • 2 cipolle rosse piccole (o un cipollotto rosso)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 patate
  • 1 cucchiaio di cumino
  • 1 cucchiaino di garam masala (una mia licenza al posto della sola cannella)
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 1 cucchiaio di paprika dolce affumicata
  • 100g di formaggio feta
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 4 cucchiai di olio di oliva
  • sale e pepe qb

cena con il capo - zuppa di ceci

COME

Ho scaldato in una pentola capiente 2 cucchiai di olio, lo spicchio d’aglio pelato e schiacciato e le cipolle sminuzzata (tenendo da parte qualche anello per la decorazione). Ho unito le carote e le patate, pelate e tagliate a dadini. Poi ho aggiunto le spezie, facendole tostare bene con le verdure per alcuni minuti.

Ho poi coperto con acqua calda e lasciato sobbollire per 30 minuti, aggiustando di sale e di pepe. Ho frullato finemente la mia zuppa persiana e unito i ceci (non tutti, una manciata per piatto servirà per il topping finale), regolando la consistenza con altra acqua e ricontrollando la sapidità. Ho fatto sobbollire altri 10 minuti.

Nel frattempo ho rosolato gli anelli di cipolla nell’olio avanzato, ho unito i ceci e li ho fatti dorare dolcemente.

Ho servito la zuppa persiana in due ciotole, unendo i ceci e le cipolle rosolate, il formaggio feta sbriciolato coi polpastrelli e il prezzemolo fresco (a piacere altro pepe o un filo di olio a crudo)

Click.

cena con il capo - zuppa di ceci

NEL CALICE

La speziatura di questa zuppa persiana è molto delicata e rotonda (grazie alla presenza di cumino, curcuma e cannella) e non entra in conflitto con i vini di media componente tannica, come ad esempio il Sangiovese. Io ho testato questa portata come entrée, una piccola apertura di una cena più strutturata a base di agnello in umido abbinando ai due piatti un Brunello di Montalcino del 2008. Ma se volete aggiungere alla zuppa della pasta di peperoncino, allora optate per un bianco fermo con una bella acidità e un residuo zuccherino che non vi infiammerà ulteriormente la bocca, come un Riesling della Mosella.

cena con il capo - menu persiano

Il mio menu persiano, per la “cena con il capo” in collaborazione con VINO75.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *