Il mio curry indiano di pollo

Il curry indiano è diventato il mio comfort food preferito. Partendo dalla ricetta del curry indiano di gamberi, ho preparato tantissime versioni: dalle melanzane alle vongole, dai totani all’agnello, passando per tacchino, suino, merluzzo e cavolfiori…

Il kerala curry è proprio il mio cibo della felicità, quello che cerco quando ho bisogno di un abbraccio rassicurante, che mi strappa un sorriso anche nelle giornate più grigie e che mangio con una colonna sonora di piccoli mugoli di piacere. Lo preparo quasi tutte le settimane, ogni volta con un ingrediente diverso, ma il profumo avvolgente del latte di cocco e delle spezie è sempre lo stesso e mi fa sentire come quando rientri a casa dopo un viaggio lungo e faticoso, è un vero sollievo.

Quando ho scoperto Tiger a Como, oltre a dilapidare mensilmente lo stipendio in puzzilli e amenità varie, ho scoperto anche il reparto spezie, immenso e fornitissimo. Lì, pian piano, mi sono costruita un piccolo tesoro di profumi che mi permette di realizzare tantissime ricette etniche. Come questo curry indiano, per il quale vi serviranno 3 semi fondamentali: cumino, senape nera e nigella.

curry indiano di pollo

COSA

  • 1 cucchiaino di semi di cumino
  • 1 cucchiaino di semi di senape nera
  • 1 cucchiaino di semi di nigella
  • 1 cucchiaio di burro (meglio se chiarificato)
  • 1 cipolla rossa
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 peperone rosso
  • 2cm di radice di zenzero
  • 1 cucchiaino di paprika (forte o dolce a piacere)
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 400ml di passata di pomodoro
  • 400ml di latte di cocco
  • sale e pepe qb
  • 200gr di petti di pollo
  • un mazzetto di coriandolo (o prezzemolo)
  • riso Basmati bollito di accompagnamento

COME

Ho tostato i semi in una pentola capiente per 3/4 minuti, ho abbassato la fiamma e aggiunto il burro. Intanto ho frullato la cipolla, lo zenzero e l’aglio, sbucciati e tagliati a tocchetti. Ho aggiunto il peperone pulito e un pizzico di sale e di pepe e ho frullato finemente.

Ho aggiunto il composto ai semi in pentola e ho fatto soffriggere per 10 minuti aggiungendo qualche cucchiaio d’acqua per non farlo attaccare.

Ho unito la curcuma, la paprika, la passata di pomodoro e il latte di cocco e ho fatto sobbollire 20 minuti. Nel frattempo ho cotto alla piastra il pollo senza condimenti.

La ricetta originale prevede l’aggiunta del pollo insieme al pomodoro e al latte di cocco.

Una volta cotto, ho servito il curry indiano in piccole boule distribuendo i bocconcini di pollo in ciascuna e decorando con coriandolo (o prezzemolo a piacere). Ho accompagnato con riso Basmati lessato.

Click.

curry indiano di pollo

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *