Radici amare al burro e curry

Le radici amare sono una varietà di cicoria con molte proprietà benefiche per l’organismo, sono infatti depurative per intestino e fegato.

Hanno un sapore molto amaro (capitan ovvio, si chiamano radici amare mica per nulla) e occorre bilanciare questo gusto con alcuni tricks di preparazione.

Non sapevo che esistessero prima di vederle nel banco frigo, figuriamoci come cucinarle. Ma lo spirito foodblogger mi rende temeraria, sono tornata a casa col mio bottino e mi sono messa a far ricerche. Alla fine ho deciso di cucinarle in due modi (qui vi racconto la versione timo e miele).

Radici amare al burro e curry

Per prima cosa ho pelato 500gr di radici amare, aiutandomi con un pela patate, tagliate a bastoncini e messe a riposare un’ora in una ciotola d’acqua e il succo di un limone. Il limone aiuta ad attenuare l’amaro e le mantiene bianche. Poi ho trasferito il contenuto della ciotola in una pentola, acqua compresa, con un pizzico di sale, e ho lessato 40 minuti e ho scolato.



RadiciAmareBurro2

Ho scaldato 1 noce di burro in una padella, ho sciolto 1 cucchiaino di curry e ho fatto saltare le radici per qualche minuto, con 1 spicchio d’aglio, aiutandomi con 2 cucchiai di acqua di cottura.
Ho servito spolverando con poco curry e sale. Il curry si sposa benissimo con l’amaro della radice (che ha la consistenza della carota ma con un sapore più vicino all’indivia o al radicchio…).

Click.

Mi segui già su INSTAGRAM?

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

9 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.