Torta salata di asparagi e ricotta

Un guscio di pasta brisée fatta in casa fa da scrigno croccante a questa torta salata di asparagi e ricotta. Un inno alla primavera, perfetta per i primi pic nic all’aperto, da gustare sia calda che fredda.

La mia primavera profuma sempre di asparagi e di torta salata appena sfornata, che vorrei sempre far raffreddare ma non ci riesco mai: la prima fetta la assaggio sempre bollente, presa da un’atavica impazienza golosa.

Non è la prima volta che arrotolo ortaggi di stagione per realizzare le mie torte salate, l’ho già fatto con la torta di zucchine e con la brisée agli agretti. Per la prima volta però, in questa torta salata di asparagi, ho utilizzato la ricotta al posto dello yogurt greco.

Il risultato è ancora più cremoso e goloso, perfetto con la consistenza e il sapore degli asparagi. Curiosi? Scorrete verso il basso per scoprire la ricetta!

Torta salata di asparagi e ricotta

ingredienti per una torta (diametro 20cm circa)

COSA

per la pasta brisée
  • 150 g di farina
  • 70 g di burro
  • un pizzico di sale
  • acqua ghiacciata qb
per il ripieno
  • 200 g di asparagi verdi
  • 1 uovo
  • 150 g di ricotta
  • sale e pepe qb
  • 2 cucchiai di pan grattato

COME PREPARARE LA TORTA DI ASPARAGI

Per prima cosa mi sono occupata della pasta brisée, che potete acquistare già stesa e pronta, ma che si prepara in casa con pochissimi ingredienti e in pochissimi minuti.

In un mixer ho versato la farina, il sale e il burro, freddissimo e tagliato a dadini. Ho acceso a potenza media e ho atteso qualche secondo, poi ho iniziato a versare poca acqua ghiacciata per volta, osservando l’impasto, che sarà pronto non appena si forma una piccola palla. Ho fermato il mixer, lavorato velocemente la pasta per qualche secondo formando una palla che ho coperto con la pellicola e messo immediatamente in frigorifero a riposare. Occorrono 30 minuti.

Qui c’è il mio robot multifunzione che intravedete spesso nelle mie dirette e nelle mie videoricette*.

Nel frattempo ho lessato gli asparagi, in un pentolino alto e stretto, disponendoli in verticale con le punte verso l’alto. Occorrono circa 10 minuti.

Io utilizzo un bollitore per il latte simile a questo, così da cuocere la parte più coriacea lasciando intatte le punte, che invece sono decisamente più tenere e cuocendole troppo si romperebbero, perdendo la loro irresistibile croccantezza*.

Li ho scolati e raffreddati sotto l’acqua corrente e quindi li ho tagliati in due parti, nel senso della lunghezza, alcuni di loro, i più grossi, anche in 4.

A parte, ho sbattuto l’uovo con la ricotta, condendo con un pizzico di sale e una grattata di pepe nero.

Ho steso la pasta brisée ormai indurita su un foglio di carta da forno e ho foderato la mia teglia da 20 cm, ripiegando i bordi e premendo con i polpastrelli. Con il pan grattato, ho spolverato la base, bucherellandola con i rebbi di una forchetta e ho cotto, forno caldo 200° per 15 minuti.

Quindi ho tolto dal forno e riempito con la crema di ricotta e uova. Partendo dal centro, ho arrotolato i nastri di asparago più morbidi, creando una piccola spirale: quella sarà il centro della nostra torta salata primaverile. Intorno, seguendo la spirale, ho disposto tutti gli asparagi, avendo cura che capi e punte si sovrappongano un po’, per creare continuità.

Sembra complicato ma, una volta “preso il giro”, sarà quasi automatico e le mani si muoveranno da sole.

Ho cercato di lasciare meno buchi possibile, quindi ho pennellato con poco olio di oliva e infornato, sempre a 200°, per 20/25 minuti. Io posiziono le mie torte salate con pasta brisée nel ripiano più basso del forno, perché il fondo umido è la parte più difficile da cuocere e spostandola sopra rischierei di bruciare il ripieno.

Ho servito con qualche fogliolina di aromi dell’orto e, a piacere, con un filo di olio extra vergine di oliva a crudo.

Click.

Torta salata di asparagi e ricotta

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.