Maxi quiche di zucca

A volte alcune ricette nascono per recuperare errori di valutazione: é il caso di questa quiche di zucca, sfornata con il più classico spirito della cucina #nospreco.

L’ultima volta che ho fatto la vellutata di zucca ho esagerato con le dosi. Di solito dimezzo o divido per quattro, questa volta ho voluto essere ligia alla ricetta e mi sono trovata con una piscina di zuppa. Buona, per carità, ma non posso riproporla per 7 pasti di fila. Ok Nus, respira e ragiona. Ecco come mi sono “tuffata” nella preparazione di una quiche.

maxi quiche di zucca con alloro e scamorza

Ho realizzato una pasta brisée con 100g di farina, 50g di burro, un pizzico di sale e acqua fredda qb. Ho frullato veloce e ho fatto riposare la palletta per 30 minuti.

Nel frattempo ho prelevato una bicchierata generosa di vellutata di zucca, ci ho sbattuto un uovo intero, non ho salato perché la sapidità era già ben bilanciata, ma ho aggiunto 50g di scamorza a pezzetti.

Ho steso la pasta e ho foderato uno stampo tondo (in mezzo ci metto sempre della carta da forno) spolverando la base di pan grattato.

Ho versato il composto nel guscio di brisée, ho pepato, aggiunto una foglia di alloro e ho messo in forno, 180°, ripiano basso, 25/30 minuti.

Ho servito la mia quiche di zucca del recupero calda, ma è ottima anche fredda o riscaldata, magari per un pranzetto in ufficio!

Click.

segui L'ennesimo Blog di Cucina su facebook

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.