Bucce fritte su vellutata di carote viola

Una vellutata di carote viola e patate, zenzero e cipollotto rosso, decorata con le bucce fritte degli ortaggi usati per la zuppa. Un recupero totale per un’esperienza di gusto davvero sostenibile.

Prezzo: EUR 5,00

Sono entrata nel periodo #nospreco. Il libro BUTTALI IN PENTOLA, risultato del progetto insiemecontroglisprechi.it realizzato da Auchan in collaborazione con WWF Italia e Lisa Casali di ecocucina.it mi ha aperto gli occhi su un mondo di opportunità di recupero.

Questa vellutata è il primo di tanti esperimenti che farò nelle prossime settimane, spero di appassionarvi come questo tema appassiona me.

bucce fritte su vellutata di carote viola

dosi per due persone

COSA

  • 1 patata grande
  • 4 carote viola medie
  • 1 cipollotto rosso
  • 2 cm di radice di zenzero fresca
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 bicchieri di brodo di verdura
  • sale e pepe qb
  • una manciata di farina intergrale
  • erba cipollina (o aglio orsino) per guarnire
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 3 cucchiai di olio di semi

COME

Con una mandolina, ho pelato le patate e le carote, cercando di sbucciarle a nastri regolari. Ho tagliato il resto a dadini. Ho spogliato il cipollotto delle foglie esterne e ho tagliato il bianco a fettine.

Ho lessato i dadini di ortaggi in 2 bicchieri di brodo di verdura, per 15 minuti circa. A metà cottura ho aggiunto lo zenzero sminuzzato e l’aglio privato dell’anima. Una volta cotta perfettamente la patata, ho frullato tutto, aggiungendo l’olio evo e poco brodo caldo per aggiustare la consistenza.

Poco prima di servire ho preparato le bucce fritte: ho preso tutti i nastri, li ho tagliati a bastoncini più regolari, li ho immersi per 4/5 minuti in acqua in ebollizione, li ho scolati e tamponati nella farina (salata e pepata). Li ho fritti in un wok con l’olio di semi caldissimo (io uso quello di arachidi). Non occorre friggere ad immersione, ma serve una cottura di almeno 5 minuti in una padella molto ampia, in modo che i nastri non si appiccichino insieme. Ho tamponato le bucce fritte con della carta da cucina e le ho adagiate a decorazione della vellutata.

Ho servito la zuppa caldissima, con le bucce fritte, una spolverata di aglio orsino (o di erba cipollina essiccata) e un filo di olio a crudo.

Click.

bucce fritte su vellutata di carote viola

3 Comments

  • Gelmina ha detto:

    ma è uno spettacolo questa vellutata! Che colore e che bella idea!

    Cari saluti,

    Gelmina

  • Romina ha detto:

    Mi viene voglia di provare….dalle mie parti però non sono ancora riuscita a trovare le carote viola!

    • Anna Fracassi - Nus ha detto:

      Il sapore non è molto diverso da quelle normali, con le quali puoi provare tranquillamente! 🙂 Poi ripassa e dimmi come ti sembra questa ricetta di recupero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.