Mini verrine di vellutata di zucca al cumino e code di gambero

Piccole verrine di vellutata di zucca, bicchierini di gusto e colore arricchiti dal profumo delle spezie.

Un finger food autunnale realizzato per il numero di ottobre di Bontât, il free magazine di cucina made in Friuli, nel quale sono special guest con un servizio dedicato proprio a piccoli appetizer di stagione.

Mini verrine di vellutata di zucca al cumino

dosi per 12 bicchierini

COSA

  • 250gr di zucca pulita
  • 2 bicchieri di brodo di verdura
  • 2 cucchiaini di semi di cumino
  • 1 cucchiaino di cumino in polvere
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 12 code di gambero
  • 4 cucchiai di olio di semi
  • qualche filo di erba cipollina
  • sale e pepe qb

COME

Per prima cosa ho tagliato la zucca a cubetti che ho disposto su una teglia, ricoperta di carta da forno, e condito con 1 cucchiaio di olio (io uso quello di semi di arachidi), sale, pepe e 1 cucchiaino di semi di cumino. Ho cotto, forno caldo a 180°, per 30 minuti, fino a dorare la superficie della zucca (facendo attenzione a non bruciare le punte).

A fine cottura ho trasferito i cubetti di zucca nel frullatore, ho aggiunto il brodo caldo, poco per volta, la curcuma e ho frullato finemente. Ho trasferito la vellutata in una pentola, ho aggiunto 2 cucchiai di olio e ho fatto sobbollire qualche minuto, poi ho spento la fiamma e ho tenuto in caldo.

il cumino è una spezia originaria del Mediterraneo orientale e conosciuta anche in India nella medicina Ayurvedica; è ricco di ferro e antiossidanti e aiuta a ridurre il colesterolo

Nel frattempo ho pulito i gamberi, li ho sgusciati lasciando solo le cose e li ho passati in padella con l’olio avanzato, i semi di cumino e il cumino in polvere. Pochi minuti e sono pronti.

Ho preparato le verrine di vellutata calda, ho decorato con l’erba cipollina tritata e ho appoggiato su ognuna, aiutandomi con uno stecchino, una coda di gambero e qualche seme tostato di cumino.

Click.

Mini verrine di vellutata di zucca al cumino

BONTÂT MAGAZINE

Autunno! Le giornate si accorciano, l’aria si fa frizzante e il nuovo numero di Bontât, come sempre, vi terrà compagnia per qualche mese. Per noi è tempo di grandi progetti, viaggi e piacevoli novità, che vogliamo condividere con voi. Ci caleremo nel clima dell’Oktoberfest e delle sue specialità. Riscopriremo poi le verdure “nascoste”: radici e Brassicaceae in cucina. Lasciatevi guidare alla scoperta dei formaggi e i latticini della Latteria Alto But di Sutrio, oltre a suggerimenti per finger food autunnali. Mele e pere sono le grandi protagoniste di ricette dolci e salate. Infine, seguite il nostro viaggio emozionante tra i Colli friulani, insieme alla famiglia Bastianich. Buona lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.