Yakisoba: noodles con lonza di maiale e cavolini di Bruxelles

Gli yakisoba sono dei noodles giapponesi che si prestano a tantissime varianti, sia per l’ingrediente principale che per la verdura, spesso di stagione, di accompagnamento.

Per questa ricetta ho usato carne di maiale, in particolare la lonza (estremamente versatile e adatta alla cottura al salto). Ho insaporito con una miscela a base di brodo di pollo, salsa di ostriche (la mia nuova droga) e di soia. L’abbinamento con i germogli di soia è venuto da se, la stagione invece mi ha suggerito i cavolini di Bruxelles.

edit 2018

yakisoba - noodles con lonza di maiale e cavolini di Bruxelles

ingredienti per 2/3 persone

COSA

  • 150g di lonza di maiale
  • 100g di cavolini di Bruxelles
  • 200g di noodles secchi
  • 100g di germogli di soia
  • 1/2 bicchiere di brodo di pollo
  • una punta di cucchiaio di peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaio di salsa di ostriche
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • la parte verde di un cipollotto
  • sesamo nero per guarnire
  • 2 cucchiai di olio di semi (io lo uso di arachidi)
  • sale e pepe qb

COME

Per prima cosa ho cotto al vapore i cavolini di Bruxelles tagliati a metà e l’ho fatto usando il vapore di cottura dei noodles, per ottimizzare. Nel frattempo ho battuto le fette di lonza e le ho tagliate a striscioline di 1cm circa. Ho quindi unito il peperoncino in polvere con il brodo e le salse, mescolando con cura e tenendo da parte.

Ho scolato i noodles e li ho raffreddati, avendo cura di districarli bene, ho scaldato l’olio in un ampio wok e ho rosolato le fettine di lonza. Appena dorate (basteranno 5 minuti a fuoco moderato grazie al taglio sottile), ho unito i cavolini e i germogli, poco dopo i noodles e la salsa.

Ho saltato i miei yakisoba per un altro paio di minuti, girando con delicatezza, e li ho serviti con una spolverata di sesamo nero e anelli di cipollotto.

Click.

yakisoba - noodles con lonza di maiale e cavolini di Bruxelles

18 Comments

  • Valentina ha detto:

    Questa tua interpretazione mi piace tantissimo, ti faccio i miei complimenti! Brava, brava, brava! 🙂 Un abbraccio, buona giornata 🙂

  • Piovonopolpette ha detto:

    Ma così è più divertente no? Mi piace un sacco la tua versione!

  • Ale ha detto:

    anche a me piace reinventare e vedo che tu ci sei riuscita benissimo! baci!

  • Laura ha detto:

    Evviva la cuoca giapponese della mutua! :)))
    Io ho segnato tutto.. capita anche a me di ispirarmi e stravolgere il piatto.. con il salato è più semplici ma non lo è affatto comporre un piattino come questo.
    Bravaa!
    Laura

  • La Cucina Imperfetta di Giuliana ha detto:

    Anche a me piacciono questi piatti un po’ fusion, sono gustosi e divertenti!!

  • Olga ha detto:

    Brava che meraviglia, fai bene a cambiare i piatti come piacciono a te!!! un bacio

  • Francesca AvvoCake ha detto:

    Ma è fantastico!! Il mio fidanzato va pazzo per gli yakisoba, gli preparerò questa versione, vediamo se riesco a imbrogliarlo! 🙂

  • Simona Roncaletti ha detto:

    Non ne so assolutamente nulla di cucina giapponese….questo piatto è straordinario!!!!! Quanto mi piace:)
    Un bacione!!!

  • ELENA ha detto:

    che bella idea mi piace questa!!!

  • Lara Bianchini ha detto:

    sarai anche una imbrogliona, ma un’imbrogliona di quelle che invogliano. Credo proprio che lo proverò, mi stuzzica tantissimo….

  • Zonzo Lando ha detto:

    E me la sono riletta due volte la tua versione tarocca. Subito salvata e pronta. Bacioniii!!

  • Alice ha detto:

    Ho preparato questa pasta ad una cena con amici, purtroppo però l’effetto sorpresa che speravo di sortire è stato sostituito da una grande delusione generale.
    Il pomodoro copre tutti i sapori, la lonza non resta per niente morbida.
    Ho seguito alla lettera la ricetta, ma il risultato non è quello invitante della foto.
    Peccato.

    • Anna Fracassi - Nus ha detto:

      Ciao Alice, mi spiace molto. So che due persone che mi seguono l’hanno realizzata con grande successo, forse c’è qualche indicazione “interpretabile” o qualche passaggio che ti è poco chiaro? Sarò felice di avere un tuo feedback (perché anche quelli meno positivi sono utili per migliorare!).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.