Paté di soia gialla

Una versione alternativa al tradizionale paté di fegato. A base di soia gialla e insaporito da un cucchiaio di pasta di acciughe, questo paté ha tutta la cremosità e il gusto del burro di bufala e la marcia in più del pepe rosa.

Un esperimento un po’ estremo che si è trasformato in una rivelazione di gusto. Non so bene come siano andate le cose, a volte le mie ricette precipitano in risvolti inattesi per mancanza di un ingrediente, per pigrizia, per fretta… Il fatto è che avevo un fantomatico sacchetto di soia gialla da provare e volevo fare qualcosa di nuovo.

Avevo leggiucchiato qua e là le ricette di alcuni paté di legumi, ma mi risultava tutto troppo vegan (non me ne abbiate, lettori vegani), liquido e slegato. Il bello del paté, a mio parere, è proprio quella cremosità, quel non so ché che lega tutto, quella burrosit… Ecco, ce l’ho: il burro, questa volta di bufala.
L’elemento proteico invece ce lo metto con la soia gialla, ricchissima di aminoacidi.
Ma poi mi mancava la componente sapida e il mio quarto di DNA piemontese mi ha suggerito la pasta di acciughe. No, non sto dando i numeri, fidatevi è una bomba (anche calorica, ma altrimenti, che paté sarebbe?).

Quindi ho preso 100gr di soia gialla Melandri, l’ho ammollata per tutta la notte, poi ho buttato l’acqua di ammollo (lo sapevate che è piena di tossine rilasciate dai legumi?) l’ho risciacquata e l’ho lessata per 3 ore, armata di santa pazienza.
Poi l’ho scolata e trasferita in una padella con 1 scalogno grande affettato, 3 capperi lavati, 3 grani di pepe rosa in salamoia, 1 cucchiaio di pasta di acciughe. Niente sale, l’acciuga basta e avanza. Ho fatto insaporire tutto per 5 minuti a fuoco vivo aiutandomi con un ricciolo di burro. Ho versato il composto nel bicchiere del frullatore e ho aggiunto il burro avanzato (100gr di burro di bufala in tutto quindi). Dato che il composto era ancora caldo il burro si è incorporato alla perfezione.

Ho versato il paté di soia gialla in piccoli contenitori e ho messo in frigorifero per alcune ore.
Ho guarnito con qualche grano di pepe rosa e servito con pane ai 7 cereali.

Click.

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.